LE CESINE

Cesine_salento_puglia
La riserva naturale statale “Le Cesine” è un eccezionale complesso naturalistico e costituisce uno delle ultime testimonianze rimaste delle vaste paludi che si estendevano sulla costa pugliese tra Brindisi ed Otranto. La Riserva, gestita dal WWF Italia, si estende per 620 ettari lungo il litorale adriatico, nel comune di Vernole (Le) ed è costituita da una varietà di ambienti diversi: una lunga spiaggia, di circa 6 Km, con brevi tratti sassosi e scogli, dune, aree lacustri e palustri, pineta, macchia mediterranea, gariga, coltivi. Il toponimo Cesine deriva da “segine” come equivalente a “terreno incolto, abbandonato”. “Segine”, infatti, si chiamava il borgo poco distante che sorgeva intorno al castello di Acaya che, prima delle grandi trasformazioni del territorio causate dalle bonifiche, era circondato da estesi acquitrini e vegetazione palustre. Nel 1977 Le Cesine sono incluse nell’elenco delle Zone Umide di Importanza Internazionale secondo la Convenzione di Ramsar e nel 1978 viene istituita l’Oasi di protezione che vieta la caccia sull’intera area. Nel 1980, nella parte Nord-Orientale, viene istituita una Riserva Naturale di popolamento animale, la cui gestione, con la supervisione del Corpo Forestale dello Stato, è affidata al WWF.
L’origine di quest’area umida è antichissima; tutte le mappe, infatti, riportano questa zona come area paludosa. La vegetazione palustre è quella che maggiormente caratterizza l’area delle Cesine. Nelle aree più interne si possono ammirare varie specie di flora palustre quali il Falasco, il Giglio acquatico, l’Orchidea acquatica e la rarissima Orchidea di palude. In quelle prossime al mare dove ovviamente la salinità è maggiore, prevale la Cannuccia di palude e la rarissima Ipomea di palude presente in poche altre zone d’Italia; lungo la costa predomina il giunco che anticamente veniva raccolto per fare le “zuche”, cordame utilizzato da contadini e pescatori. Vi si trova anche la Fillirea. Notevole è la presenza di specie animali, come il Rospo smeraldino, la Raganella, il Tritone crestato e il Tritone italico presente soltanto nell’Italia meridionale. Tra i rettili troviamo la testuggine d’acqua e la biscia d’acqua.
Numerosissime sono le specie presenti tra gli Insetti, sia acquatici che terrestri. Soprattutto in primavera il volo di migliaia di farfalle rallegra l’aria e rende suggestivo ogni angolo della Riserva: dalle coloratissime Vanesse del Cardo all’elegante Macaone senza tralasciare gli incantevoli Licaenidi dai colori metallici. Ma l’importanza di quest’oasi risiede anche e soprattutto nel suo ruolo di “sosta” per gli uccelli da passo; infatti, nei mesi in questione, si osservano numerose e coloratissime specie di Anatre, Cormorani, Falchi di palude, l’Albanella reale, il Falco pescatore, gli Aironi e gli altri trampolieri. Particolarmente belle sono, poi, le numerose specie di orchidee, un tipo delle quali è denominata nel Salento “scarpette”.
La Riserva delle Cesine, aperta tutto l’anno, propone visite guidate, settimane verdi e campi d’avventura per ragazzi.
La masseria “Le Cesine” è il cuore di una serie di sentieri che attraversano le pinete e la macchia mediterranea terminando in capanni di osservazione sui pantani; uno di questi sentieri è attrezzato per i disabili. Di proprietà regionale, la Masseria Le Cesine si compone di diverse costruzioni realizzate in altrettanti periodi storici. La parte più antica è la Torre, costruita alla fine del Cinquecento, rappresentava l’avamposto militare della zona, permetteva il controllo del mare ed era in collegamento visivo con le torri di San Cataldo e quella di Torre Specchia. Alla fine del Seicento, cessato il pericolo di incursioni dal mare e venuta meno la funzione di avvistamento e difesa, si costruisce il primo nucleo della masseria, a questo si aggiunse alla fine del Settecento l’abitazione del massaro. I nuovi lavori di restauro ed ampliamento della struttura rendono la Masseria Le Cesine centro visite dotato di foresteria, auditorium, punto ristoro, base ideale per gite scolastiche, gruppi, famiglie ed amanti della natura.

Strutture per una Vacanza in Puglia e nel Salento: http://www.salentotravels.it/puglia/